Un nuovo sistema di vigilanza sul settore dell’edilizia, con un nuovo sistema di controlli ed eventuali sanzioni. Questo il punto cardine del  decreto legislativo sulla commercializzazione dei prodotti da costruzione, approvato dal Consiglio dei ministri dello scorso 9 giugno. Il testo adegua la normativa nazionale alle disposizioni europee contenute nel Regolamento Ue n. 305/2011 e fissa le regole che vanno rispettate in questo mercato.

 

Il Consiglio superiore dei Lavori Pubblici ha pubblicato sul proprio sito una guida al decreto, che rivede il settore nazionale dei prodotti da costruzione. 

L’obiettivo è l’adeguamento della legislazione italiana alla normativa europea. Il nuovo testo punta a una semplificazione e al riordino del quadro normativo nazionale e degli adempimenti per le imprese. Lo scopo è ottenere un maggiore coordinamento delle amministrazioni competenti e delle procedure da esse adottate nel settore, al fine di incrementare l'efficacia dell'azione amministrativa e ridurre gli oneri per le imprese.

Tra gli altri punti del decreto, è presente una riorganizzazione del coordinamento delle amministrazioni, con l’istituzione del Comitato nazionale di coordinamento per i prodotti da costruzione, presieduto dal presidente del Consiglio superiore, oltra all'Organismo nazionale per la valutazione tecnica europea. 

Notizie

Il termine per presentare la domanda ed avere accesso alle ultime risorse messe a disposizione del Fondo rota...
Torna a salire la produzione edilizia nella zona euro ad aprile (+0,3% rispetto a marzo), ma in Italia si assi...
Per il 2017 si prevede un aumento generale delle compravendite del 10% circa rispetto al 2016, ma per la stabi...
Un nuovo sistema di vigilanza sul settore dell’edilizia, con un nuovo sistema di controlli ed eventuali sanz...
Il 9 giugno è stato siglato a Bologna il Protocollo di Intesa tra i notai dell’Emilia-Romagna e i rappresen...